Quanto tempo si trascorrerà in purgatorio ?

siccome il Purgatorio è l'anticamera del paradiso, sembra che vi trascorreremo un certo tempo, ma soprattutto: quanto?

Essendo il Purgatorio l’anticamera del paradiso, sembra che vi trascorreremo una certa quantità di tempo. Ma di che tipo è questo tempo, anche nell’eternità? E soprattutto, una domanda che può preoccuparci, quanto tempo ci passeremo ? Risposta di Don Paul Denizot al microfono di Guillaume Desanges per RCF nella Cronaca del Purgatorio #5.

Il tempo che passeremo in purgatorio dipende da noi. Anzi tutto non è un tempo cosmologico che misurerebbe una sanzione del tipo: Tal dei tali avrà 10 giorni di purgatorio e il suo vicino un mese.

Il tempo del purgatorio è funzione del nostro cuore

Il tempo del purgatorio è funzione dell’apertura del nostro cuore. Se un cuore non è stato molto aperto all’amore, ma ha comunque accolto la misericordia di Dio fino alla fine, può dover passare un po’ più di tempo in purgatorio rispetto a un cuore che era spalancato, ma ha avuto difficoltà a fare questo o quell’atto, questo o quel perdono o anche rinunciare a questo o a quello svuotamento di sé.

In purgatorio, arriviamo così come siamo, secondo ciò che abbiamo vissuto. E il tempo del purgatorio sarà personale per ognuno.

Un tempo nell’eternità?

Anche in cielo c’è un tempo perché l’eternità appartiene solo a Dio. Solo lui è fuori del tempo. Ma quello lassù non è lo stesso tempo di quaggiù. In cielo non ci si annoia. È un tempo pieno e vissuto in pienezza. Nel purgatorio c’è una pienezza e una gioia, ma allo stesso tempo un languore, perché è il tempo del desiderio. Nell’inferno, invece, c’è qualcosa dell’ordine della pesantezza.

Che cosa faremo in purgatorio?

È un tempo per lasciarsi purificare, come una sorta di convalescenza. Il Curato d’Ars la chiamava: “l’infermeria del buon Dio”. In questo tempo, Dio mi ristora a poco a poco. Così imparo ad essere paziente. È anche un tempo in cui aspiro a contemplare il volto di Dio. Questo desiderio mi brucia profondamente. Ed è sia causa di grande gioia perché sento che sto per coglierla, sia causa di dolore perché non è ancora il momento. In purgatorio, il desiderio che cresce è il desiderio di Dio.

Purgatorio, un tempo per conoscersi in verità totale

Si tratta piuttosto di farsi conoscere. È Dio che, curandoci, ci restituisce pienamente a noi stessi. Tutti abbiamo la nostalgia di essere una brava persona, ma questa bontà è spesso ricoperta di sporcizia, peccati, impurità accumulate durante la nostra vita. Il Purgatorio ci permette di riscoprirci così come siamo, sotto lo sguardo di Dio, cioè un diamante.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *