Pregare per i morti

Share on Facebook Share on Twitter Send by mail Print
Veillée prière de la Toussaint @montligeon

Pregare per i morti

Dobbiamo chiamare coloro che ci hanno lasciato morti o defunti? La morte è la negazione della vita. Secondo l’etimologia latina, il defunto è colui la cui vita si è conclusa. Per la Chiesa, il defunto è colui che non è arrivato pienamente in Paradiso. Ha bisogno delle nostre preghiere per completare la sua purificazione oltre la morte.

La morte

La morte è uno scandalo impensabile, come suggerisce il filosofo Philippe Ariès? Esiste una relazione tra la sofferenza e la morte? Se non è così, allora è meglio ridurre questo scandalo all’insignificanza, far finta che non esista!

È un po’ la scelta del nostro mondo: rimandare questa domanda che a volte disturba e a volte scandalizza. L’argomento riceve molta attenzione nei notiziari quando si tratta della morte di altri, altrove, lontano da qui. È diventato indolore nei videogiochi degli adolescenti che possono morire e rinascere a ogni “livello”.

Eppure questo tema riguarda tutti noi, in modo intimo. Con la pandemia del 2020-2021 e il cambiamento climatico, la questione è improvvisamente vicina. Quando la morte si prende il mio amore, il mio amico, il mio bambino, non posso più ignorarla. Devo decidere in cosa credere.

Cosa succede al momento della morte?

Al momento della morte, in senso metafisico, l’anima si separa dal corpo. Il corpo diventa un cadavere. Senza il suo principio vitale, è destinato a decadere.

L’anima immortale viene giudicata e riceve immediatamente la sua punizione o attraverso la purificazione, l’ingresso immediato nella beatitudine del Paradiso o la dannazione eterna.

Il criterio di questo giudizio è l’amore.

Come mi preparo alla mia morte?

La morte? Nessuno sa cosa ci sia dietro questa parola, ma tutti sappiamo che il nostro viaggio terreno si concluderà in questa realtà. È un momento fondamentale della nostra esistenza. Nel frattempo è importante affrontare questa domanda per vivere da uomo libero.

Don Paul Denizot, rettore del santuario di Montligeon, parla con Guillaume Desanges per RCF Calvados-Manche.

È legittimo avere paura della morte?

Sì, certo, perché la morte è violenta, perché non possiamo controllarla e sembra essere un ostacolo insormontabile alla nostra sete di amore e di vita. Nessuno vuole morire.

Gesù stesso ha avuto paura della propria morte nell’orto del Getsemani. La nostra paura della morte dimostra che non siamo fatti per morire, ma per vivere.

Siamo fatti per la morte?

Se ci guardiamo intorno, possiamo vedere che la morte fa parte di questo mondo. È naturale e la natura ce lo dimostra ogni giorno. Allo stesso tempo è innaturale perché la Bibbia ci dice che l’uomo non è stato creato per la morte. La morte è entrata nel mondo come salario del peccato, perché l’uomo si è allontanato da Dio. Eppure, alla sequela di Cristo, morire ci riporta alla vita. In Cristo vediamo due esempi: una prova di forza, di volontà, e allo stesso tempo una resa, un lasciarsi andare per accettare questa morte, questo passaggio alla vita eterna.

Don Guillaume d’Anselme, cappellano del santuario di Montligeon, parla con Guillaume Desanges per RCF Calvados-Manche.

“Con la sua morte ha vinto la morte”,

Il mistero della morte

La Chiesa nel mundo moderno, il Concilio Vaticano Il. (Capitolo I) La dignità della persona umana

Gaudium et Spes n°18.

“Di fronte alla morte, l’enigma della condizione umana assume tutta la sua profondità.

L’uomo non è solo tormentato dalla sofferenza, dal progressivo decadimento del suo corpo, ma ancor più dalla paura di una distruzione definitiva.

Egli giudica per giusta ispirazione del suo cuore quando odia e rifiuta questa rovina totale, questo fallimento definitivo della sua persona. Il germe di eternità che porta in sé, irriducibile alla sola materia, si ribella alla morte. Tutte le imprese della tecnologia, per quanto utili, sono impotenti a calmare la sua ansia: perché il prolungamento della vita che la biologia fornisce non può soddisfare questo desiderio di un’aldilà, invincibilmente ancorato nel suo cuore.

Cosa succede all’amore
dopo la morte?

Dal punto di vista umano, la morte è uno scandalo, uno strazio, perché quando amiamo è per sempre. Cosa succede all’amore dopo la morte della persona amata?

L’amore non passerà mai. “La carità è eterna”. Don Thomas Lapenne parla con Guillaume Desanges (RCF)

Ma mentre ogni immaginazione è impotente di fronte alla morte, la Chiesa, istruita dalla Rivelazione divina, afferma che Dio ha creato l’uomo in vista di un fine beato, al di là delle miserie del tempo presente.

Inoltre, la fede cristiana insegna che questa morte corporea, da cui l’uomo sarebbe stato esente se non avesse peccato, sarà superata quando la salvezza, persa per colpa dell’uomo, gli sarà restituita dal suo Salvatore onnipotente e misericordioso.

Perché Dio ha chiamato e chiama l’uomo ad aderire a Lui con tutto il suo essere, in una comunione eterna con la vita divina che non può essere dissolta.

Questa vittoria è stata ottenuta da Cristo quando è risorto dai morti, perché ha liberato l’uomo dalla morte con la propria morte. (…)”

Cristo, l’uomo nuovo

La Chiesa nel mondo moderno, il Concilio Vaticano II (Capitolo I) La dignità della persona umana.

Gaudium e Spes n°22.

“Infatti, poiché Cristo è morto per tutti e poiché la vocazione finale dell’uomo è veramente unica, cioè divina, dobbiamo sostenere che lo Spirito Santo offre a tutti, in un modo che Dio conosce, la possibilità di essere associati al mistero pasquale.

(…) E questo vale non solo per coloro che credono in Cristo, ma per tutti gli uomini di buona volontà, nei cui cuori la grazia è invisibilmente all’opera.

Questa è la qualità e la grandezza del mistero dell’uomo, il mistero che la Rivelazione cristiana illumina agli occhi dei credenti. È dunque attraverso Cristo e in Cristo che diventa luminoso questo enigma del dolore e della morte che, al di fuori del suo Vangelo, ci opprime. Cristo è risorto, con la sua morte ha vinto la morte e ci ha dato la vita in abbondanza perché, diventati figli nel Figlio, possiamo gridare nello Spirito: Abba, Padre!

Montligeon,
un santuario
dedicato alla preghiera
per i morti

Stralci dell’intervista a don Paul Denizot per il Vangelo della Vita

Notre Dame de Montligeon è sia una confraternita di preghiera fondata nel 1884 sia un santuario cattolico, luogo di pellegrinaggio e ritiro, sede di questa confraternita. Il cuore della missione di Montligeon è pregare e far pregare per i morti. Ogni giorno nel santuario si celebra una messa perpetua per le anime del purgatorio e per quelle, vive o morte, raccomandate alla Fraternità.

Don Paul Denizot, recteur
Don Paul Denizot, rettore del santuario di Notre-Dame de Montligeon – Credito fotografico Jimmy-Beunardeau-(2019-11-1)

L’abate Paul Joseph Buguet (+1918), parroco della Chapelle Montligeon (diocesi di Séez) e cattolico sociale impegnato, voleva dare lavoro ai suoi parrocchiani. Ha cercato più volte di creare attività commerciali per il villaggio, ma i suoi tentativi sono falliti.

La morte del fratello e di due nipoti gli provocò la preoccupazione per le anime del Purgatorio. Fondò quindi un’arciconfraternita per pregare per i defunti, che in seguito divenne la Fraternità di Nostra Signora di Montligeon.

Missionario instancabile, ha creato una tipografia per diffondere il messaggio dell’opera di Montligeon e ha potuto così dare lavoro agli operai. La Fraternità si sviluppò rapidamente in tutta Europa e nel mondo. Oggi conta più di 800 gruppi di preghiera in molti Paesi.

Anche l’Abbé Buguet era un costruttore. A partire dal 1896, per accogliere il crescente numero di pellegrini, fece costruire la Basilica di Notre-Dame de Montligeon, soprannominata “la cattedrale in mezzo ai campi”. Centro di preghiera e luogo di ritiro, accoglie gruppi, famiglie e singoli durante tutto l’anno.

In particolare a novembre, Montligeon accoglie molti pellegrini durante i Pellegrinaggi del Cielo. 

Cosa significa pregare per le anime del purgatorio?

Pregare per le anime del purgatorio significa innanzitutto credere che la nostra preghiera possa toccare i cuori, anche dopo la morte. 

È anche credere che il Signore si prende cura dei nostri morti e offre misericordia a coloro che non erano pienamente pronti per entrare nella gloria. Abbiamo una testimonianza di questa preghiera per i morti nel libro dei Maccabei (Ma 12, 43-46), quando Giuda organizza una colletta per celebrare un sacrificio per liberare dai loro peccati i guerrieri di Israele uccisi in battaglia. Il narratore aggiunge: “Questo era un pensiero religioso e santo. Per questo ha compiuto questo sacrificio di espiazione, affinché i morti siano liberati dai loro peccati.

Come cristiani, crediamo che la nostra preghiera possa aiutare i defunti in questo tempo di purificazione post mortem, che la Chiesa chiama purgatorio.

Abbiamo un’anima?

L’uomo è un essere sia corporeo che spirituale. L’anima si riferisce al principio spirituale dell’uomo, alla parte più intima del suo essere, al suo centro di coscienza o a quello che viene chiamato anche “cuore”.

Quest’anima è la forma del corpo, cioè dà la materia per essere questo corpo umano vivente. Immortale, viene creato da Dio al momento del nostro concepimento e rimane da quel momento in poi profondamente unito al nostro corpo. È il corpo della nostra anima e l’anima del nostro corpo. Alla morte, l’anima si separa dal corpo, in attesa di unirsi nuovamente al corpo nella risurrezione finale.  

Thérèse de Lisieux, Histoire d'une âme
Teresa di Lisieux,
Cerf , collezione Lexio. Spiritualità, (aprile 2019) Pocket

Sant’Agostino racconta la morte di sua madre Monica e le sue ultime parole:

Poi, vedendoci sopraffatti dalla tristezza, ci ha detto: “Seppellirete vostra madre qui. Rimasi in silenzio, trattenendo le lacrime. Quanto a mio fratello, le disse poche parole: che non doveva desiderare di morire all’estero ma, come destino più felice, nella sua patria. All’udire ciò, il volto di mia madre si fece inquieto e gli rivolse uno sguardo di rimprovero per aver avuto questo pensiero. Poi mi guardò: “Vedi cosa dice. Poi mi guardò: “Vedi cosa dice” e, rivolgendosi a tutti e due: “Seppellite il mio corpo ovunque; non lasciate che vi crei problemi”. Vi chiedo solo di ricordarvi di me all’altare del Signore, ovunque voi siate. Quando ha detto questo, mentre cercava le parole, è rimasta in silenzio, perché la sua malattia stava peggiorando e la faceva soffrire.

Sant’Agostino, Confessioni, BA 14 IX, XI, 27.

Non piangete, vi sarò più utile dopo la mia morte e vi aiuterò più efficacemente che in vita.

San Domenico, morente, ai suoi confratelli, Giordano di Sassonia, lib. 93. Citato nel Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 956.

Che cos’è il purgatorio?

Il purgatorio è un tempo di purificazione dopo la morte.

“Coloro che muoiono nella grazia e nell’amicizia di Dio, ma imperfettamente purificati, pur essendo certi della loro salvezza eterna, subiscono dopo la loro morte una purificazione, per ottenere la santità necessaria per entrare nella gioia del Paradiso”.

Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 1030.

Anche se i peccati sono perdonati dal Signore nel sacramento della confessione, ci sono ancora i postumi di quel peccato, le dipendenze e le debolezze in noi. In Paradiso non può esistere un briciolo di egoismo o di orgoglio. Il tempo del purgatorio è quindi un tempo di convalescenza che ci permette di essere purificati da questi postumi per entrare nella Gloria di Dio. Come diceva il santo Curato d’Ars: “Il Purgatorio è l’infermeria del Buon Dio”.  

Spiegazione del purgatorio da parte di Fratel Adrian.

Chi va in purgatorio?

Coloro che muoiono accettando l’amore di Dio e chiedendo perdono per i loro peccati, ma che non sono ancora pronti a ricevere la piena comunione con la santità di Dio nella gloria, vanno in purgatorio.

Santa Caterina da Genova, una mistica del XV secolo, scrisse un trattato sul purgatorio. In essa rivela che le anime non vanno in purgatorio loro malgrado, ma che non sentendosi pronte scelgono di propria iniziativa di purificarsi prima di entrare in comunione con l’Amore.

Traités du Purgatoire
Trattato del Purgatorio, Santa Caterina da Genova. Edizioni dell’Emmanuel.

Cosa si fa in purgatorio?

In Purgatorio, aspettiamo. È allo stesso tempo fonte di immensa gioia, poiché la salvezza è assicurata e le anime sono nella grazia e nell’amore di Dio. Ma è anche una fonte di grande sofferenza, poiché il desiderio di Paradiso non cessa di crescere senza essere finalmente soddisfatto. Qui sulla terra, una fidanzata che aspetta con impazienza il ritorno del suo fidanzato dopo una lunga separazione può più o meno riempire il suo tempo con questa o quella attività, un libro o uno smartphone… Niente di tutto questo in Purgatorio, ma il desiderio sempre più bruciante della fine della convalescenza.

Quali sono i legami tra i vivi
con le anime del Purgatorio?

A priori, le anime in purificazione non possono fare nulla per se stesse. Tuttavia, essi attendono le preghiere dei santi e dei beati, così come le preghiere di coloro che sono in pellegrinaggio qui sulla terra.

Le nostre preghiere e intercessioni, per quanto povere, li aiutano molto in questa fase, come testimoniano le testimonianze di Santa Teresa d’Avila, Santa Faustina o San Pio da Pietrelcina (Padre Pio).

E come sottolinea il Catechismo della Chiesa Cattolica (n. 958), le anime del purgatorio non sono ingrate: “La nostra preghiera per i defunti può non solo aiutarli, ma anche rendere efficace la loro intercessione a nostro favore”.

 

Catechismo della Chiesa Cattolica 958 Comunione con i morti. Il Catechismo della Chiesa Cattolica afferma: “Il pensiero di pregare per i morti, affinché siano liberati dai loro peccati, è un pensiero santo e pio” (2 M 12, 45)” (LG 50). La nostra preghiera per loro può non solo aiutarli, ma anche rendere efficace la loro intercessione a nostro favore”.

Peut-on communiquer avec nos défunts ?

“Sì, possiamo comunicare con i morti nella comunione dei santi!”. Don Martin Viviès al microfono di Guillaume Desanges (RCF).

“Quando Maria entrò al Carmelo, ero ancora molto scrupolosa. Non potendo più confidarmi con lei, mi sono rivolto al Cielo. Mi rivolsi ai quattro angioletti che mi avevano preceduto lassù, perché pensavo che queste anime innocenti, che non avevano mai conosciuto problemi o paure, avrebbero dovuto avere pietà della loro povera sorellina che soffriva sulla terra (…). La risposta non tardò ad arrivare, e presto la pace inondò la mia anima con i suoi deliziosi flussi, e capii che se ero amata sulla terra, ero amata anche in cielo… Da quel momento è cresciuta la mia devozione per i miei fratellini e mi piace parlare spesso con loro, raccontare la tristezza dell’esilio… il mio desiderio di andare presto a raggiungerli in Patria!

Teresa di Lisieux, Storia di un’anima.
Mgr Paul Buguet @montligeon
Mons. Paul Buguet
Santuario di Nostra Signora di Montligeon

L’Abbé Buguet, fondatore dell’opera di Montligeon, ha compreso questa comunione, questo scambio di beni spirituali tra i vivi e i morti.  

“Ho cercato di conciliare questo duplice obiettivo: far pregare per le anime abbandonate, liberarle dalle loro pene attraverso il sacrificio della Messa e, in cambio, ottenere da loro i mezzi per far vivere l’operaio. Era nella mia mente come un “do ut des” [“do perché tu dia”] tra le anime del Purgatorio e i poveri abbandonati della terra. È stata una liberazione reciproca.

E all’inferno,
esiste?

“L’inferno esiste. È uno stato di auto-reclusione… ed è una scelta personale”. Don Paul Denizot parla con Guillaume Desanges (RCF)

L’inferno è “uno stato di autoesclusione” (Catechismo della Chiesa Cattolica n. 1033). Nella libertà dell’uomo è inscritta la capacità di dire sì o no a Dio per sempre. È misterioso, ma è possibile.

Il Catechismo non ha mai detto che ci sono persone all’inferno, ma dice che è possibile dire no a Dio per sempre. Anche Giuda, che ha tradito e non ha creduto possibile essere perdonato, la Chiesa continua ad affidarlo alla misericordia di Dio. È più grande di qualsiasi altra cosa.

La risurrezione
cambiare la mia vita?

L’ipotesi che dopo la morte non ci sia nulla è considerata da una parte dell’umanità. Per noi cristiani, la risurrezione di Cristo è una verità di fede. Ma in concreto, la resurrezione cambia la mia vita? Cambia qualcosa nel mio corpo e nel mio rapporto con gli altri? La resurrezione può aiutarmi a morire? La resurrezione mi risparmia dalle prove?

Don Paul Denizot, rettore del santuario di Montligeon, parla con Guillaume Desanges per RCF Calvados-Manche. Interviste realizzate in collaborazione con RCF per il programma “Les sanctuaires Normands”, in onda il martedì alle 19.15.

La résurrection change t’elle ma vie ?

Una massa perpetua
per le anime del purgatorio?

La Messa è la più bella delle preghiere, perché è l’offerta del sacrificio di Cristo a suo Padre.

È il sacrificio unico della croce che salva il mondo e lo rinnova. In ogni Messa, partecipiamo come membri del Corpo di Cristo all’offerta di questo sacrificio senza precedenti. E viene offerto per i vivi e per i morti. A Montligeon, la Messa perpetua viene offerta ogni giorno per le anime del Purgatorio e per quelle, vive o morte, iscritte alla Fraternità. È possibile iscriversi e segnalare un genitore, i propri figli o nipoti, o un parente contattando la segreteria del santuario: [email protected] Tel: 00 33 2 33 85 17 00.

Alcune azioni concrete
per accompagnare
coloro che amate
in preghiera

Come si prega per i morti?

A casa, in chiesa, all’aperto o anche in metropolitana… posso pregare. Lì, nel segreto del mio cuore, non sono mai solo. Ecco alcuni consigli su come entrare semplicemente in preghiera.

Come posso accompagnarlo nel suo passaggio, come posso io stesso andare avanti nel mio cammino di lutto? Potrei non sapere come pregare, potrei anche non essere un credente. Ma posso sempre gridare: “Dio, se esisti, abbi pietà della persona che amo”…

Prier avec Montligeon -Je prie pour un mort

Come posso accompagnarlo nel suo passaggio, come posso io stesso andare avanti nel cammino del lutto? Ecco una proposta di preghiera in occasione della morte di una persona cara.

Pregare per un bambino non ancora nato

La morte dei bambini piccoli viene spesso ignorata. Per evitare troppa sofferenza, pensiamo di fare la cosa giusta tenendo segreta la loro esistenza.

Le persone che li circondano spesso credono che saranno dimenticati in fretta perché non hanno avuto il tempo di conoscerli. La sofferenza di una madre, un padre, un nonno, un fratello, una sorella, uno zio o una zia è molto reale.

Notre-Dame des tout petits défunts Montligeon
Nostra Signora dei Piccoli Morti

Ogni primo martedì del mese si celebra una messa per i bambini che non sono nati (aborto, rottura) e per i neonati morti senza battesimo.

Una volta all’anno, la domenica della festa della Divina Misericordia, il santuario organizza un pellegrinaggio per i piccoli defunti.

Seguite questo link per saperne di più:


Pregare con Montligeon,
al momento del lutto

Partecipate alla preghiera del santuario rimanendo a casa.

Per aiutarvi a vivere a distanza il funerale di una persona cara, o per aiutarvi ad accompagnare una persona cara che sta per morire, il Santuario di Montligeon vi offre due libretti di preghiera, da usare da soli, in coppia, in famiglia o in gruppo.

Prier avec Montligeon - J’apprends le décès d’un proche.
Apprendo della morte di un parente

Nella solitudine che posso sentire, sono invitato a scoprire una presenza, quella di Cristo risorto e, dopo di lui, quella di tutti i santi del cielo, dei morti, dei defunti per i quali sto pregando in questo momento.

Prier avec Montligeon - Un proche est en train de mourir
Una persona cara sta morendo

In queste circostanze dolorose, offro le mie sofferenze, prego, veglio su colui che sta per mettere la sua vita nelle mani di Dio. Nella fede, so di non essere inutile. La mia preghiera porta davvero frutto.


Venire in pellegrinaggio a Montligeon

Per prendersi un tempo di raccoglimento, riposo, silenzio, discernimento… in questo luogo benedetto che è il santuario. Possibilità di incontrare e parlare con un sacerdote o una suora, di partecipare alla vita liturgica (messe, funzioni, rosario, adorazione, confessioni…).

Il biglietto di ringraziamento

Consiste nello scrivere al nostro defunto un ringraziamento o una richiesta di perdono che avremmo voluto rivolgergli prima della sua morte, e affidarlo alla Vergine Maria per mantenere la comunione tra noi e lui.

Il percorso della luce

Sul modello della Via Crucis, questo viaggio ci invita a meditare sulle apparizioni di Gesù risorto, per entrare ulteriormente nella speranza della vita eterna per coloro che abbiamo amato.

La celebrazione di una messa, di una novena, di un trentennale

Consiste nel chiedere alla Chiesa di applicare in modo speciale i meriti della passione e della morte di Cristo alla persona che amiamo.

I gruppi di preghiera di Montligeon

Diffusi in tutta la Francia e nel mondo, si riuniscono ogni settimana o mese per pregare per i defunti, soprattutto per quelli a cui nessuno pensa e per quelli iscritti alla Fraternità di Montligeon.

Modulo di iscrizione alla Fraternità da scaricare e restituire per posta

Modulo di registrazione
alla Fraternité Notre-Dame de Montligeon da restituire per posta

Potete scaricare, compilare e stampare questo modulo e restituirlo per posta a :

Sanctuaire Notre-Dame de Montligeon, 26, rue Principale.
CS 40011 – 61400 La Chapelle-Montligeon

Subscribe to the newsletter
X
X