In Cielo, riposo o attività?

28 Marzo 2023

Au Ciel repos ou activité ? Don Pierre Gazeau pour RCF
Share on Facebook Share on Twitter Send by mail Imprimer

Durante le messe in occasione dei funerali si prega per l’eterno riposo” d’un defunto. Di che riposo si tratta? Significa che quando saremo in Cielo non faremo assolutamente nulla, visto che avremo portato a compimento i nostri progressi personali? Al microfono di Guillaume Desanges, don Pierre Gazeau chiarisce per RCF la domanda : in Cielo, riposo o attività?

Nel Vangelo Gesù parla del riposo in cielo: «Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo» (Mt 11,28). Ci mostra che il riposo viene da lui. Così in Paradiso, se saremo vicini al Signore, gusteremo questo riposo. Durante il funerale, preghiamo affinché il nostro defunto entri nel riposo eterno.

Di quale riposo si tratta?

Il Catechismo della Chiesa Cattolica dice che in Cielo i nostri più grandi desideri saranno esauditi dal Signore e quindi ci sarà vero riposo. Come quel desiderio è una tensione, che scompare quando abbiamo la cosa desiderata, così quando il Signore risponde ai nostri desideri, otteniamo il riposo. Il nostro più grande desiderio è vedere Dio e in Paradiso riposeremo perché gli saremo vicini.

Questo riposo è legittimo perché è naturale riposarsi, andare in pensione, andare in ferie quando si è lavorato. È così che il Signore ci ha creati. Ma se stiamo in vacanza tutto l’anno, non ci godiamo più il riposo, non ci riposiamo più. Il riposo viene alla fine, come risoluzione di una tensione che era buona.

Una volta terminato il purgatorio, è finalmente il riposo?

Lo scopo del purgatorio è portare a compimento ciò per cui siamo fatti, renderci santi. Spesso abbiamo un’immagine un po’ passiva del Cielo: dopo aver operato bene sulla terra e aver lasciato che Dio ci “lavorasse” in purgatorio, non faremo altro che vedere Dio. Sì, il paradiso consisterà nel contemplare Dio faccia a faccia, ma questa visione è anche azione.

L’obiettivo principale della beatitudine è vedere Dio. Leggiamo nel Vangelo: “Saremo simili a lui perché lo vedremo così com’è” (1 Gv 3,2). La santificazione è un processo che passa attraverso la visione beatifica: più contemplo Dio, più mi trasformo. E questa trasformazione mi rende ancora più capace di vedere Dio.

Il secondo oggetto della beatitudine consiste nel vedere Dio, nel vedere le creature come Lui le vede. Ancora una volta, questa è un’attività che include una progressione. Dio ha creato tutto, dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande, e noi scopriremo tutta la sua Creazione. Contemplando Dio, condivideremo il suo sguardo e potremo conoscere come lui conosce. C’è una conoscenza infinita da scoprire! Potremmo iniziare conoscendo i nostri cari sulla terra. Quando li ritroveremo, avremo una grande gioia nel vederli come li abbiamo conosciuti, ma anche come li vede Dio.

In Cielo saremo sorpresi!

Spesso pensiamo che ogni progresso finisca dopo la vita terrena perché abbiamo una falsa immagine della santità. Infatti, la consideriamo solo come l’assenza di peccato. Certamente, in Paradiso saremo mondati da ogni peccato, ma Dio non si aspetta solo che siamo senza peccato. Ci sarà anche tutta la grandezza di ciò che Dio vuole che scopriamo.

È molto bello dirsi che tutte le immagini che abbiamo del Cielo sono ben al di sotto di quello che è. Non conosciamo un millesimo di tutto ciò che il Signore ha in serbo per noi. Saremo sorpresi credetemi!

In Cielo avremo una attività?

Diceva Santa Teresa di Gesù Bambino: “Passerò il mio Cielo a fare del bene sulla terra. Questo è un indizio che ci mette sulla strada di ciò che accadrà in Paradiso. È vero quello che dice Santa Teresa: tante persone sono state esaudite dopo averla invocata! I santi hanno un’attività di intercessione per la terra e ciò fa parte della loro vita in Cielo. Poiché sono con Dio, sono con noi. Questa vicinanza, questo scambio di beni spirituali si realizza nella comunione dei santi.

Più ci avviciniamo al Signore, più ci avviciniamo a coloro che gli sono vicini, i santi. E quindi più efficace è la loro intercessione. Una delle nostre attività in Cielo sarà quella di intercedere per altri esseri viventi. Possiamo iniziare questa attività del Cielo oggi. Lo faremo fino alla fine dei tempi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most read posts

Che cosa è la fraternità di Montligeon ?

La fraternità è il cuore dell’opera di Montligeon. Riunisce tutte le persone raccomandate alla preghiera del Santuario. È anche un’opera di apostolato per tutte le persone impegnate nei gruppi di preghiera. Exxo le spiegazioni di don Martin Viviès al microfono di  Guillaume Desanges in onda […]

Read post

Perché San Giuseppe è il patrono della Buona Morte

Nella basilica di Montligeon, un mosaico rappresenta San Giuseppe in punto di morte, circondato dalla Vergine Maria e da Gesù. Perché San Giuseppe è invocato come patrono della Buona Morte, in particolare a Montligeon ? Tutto, nella vita di San Giuseppe, è fiducia, abbandono e […]

Read post

To see also

Inscription à
la fraternité

>

Continue reading

Les bienfaits du jeûne du carême

I benefici del digiuno quaresimale

Et si le carême était l’occasion de redécouvrir les bienfaits du jeûne ? Pour faire de la place et stimuler l’amour, explique le père Charles Lenoir, chapelain à Montligeon.

Lire l'article
Du mercredi 
14 février 2024 (mercredi des Cendres) au dimanche 31 mars 2024 (dimanche de Pâques), recevez chaque matin par mail une courte méditation de la Parole de Dieu et une résolution à vivre au cours de la journée.

Percorso di Quaresima 2024, una meditazione al giorno

Comment se préparer pendant quarante jours à Pâques sans se décourager ? Les chapelains de Montligeon et les soeurs de la Nouvelle Alliance ont préparé pour vous un parcours de carême 2024. Une méditation par jour à lire et à écouter. Pour s’inscrire et recevoir le mail quotidien, c’est ici !

Lire l'article
Les biensd

I benefici della Messa per un defunto

Viviane a perdu tous ses frères et sœurs, spécialement son frère jumeau. Elle reste la seule croyante de sa famille. Elle raconte comment une messe célébrée pour son frère défunt lui a apporté la paix.

Lire l'article
Subscribe to the newsletter