Che cosa ho mai fatto a Dio ?

3 Agosto 2023

Le père Charles Lenoir est prêtre du diocèse de Séez,
Share on Facebook Share on Twitter Send by mail Imprimer

“Che cosa ho fatto a Dio?” Questa è la domanda posta da Christian Clavier e Chantal Lauby nella celebre commedia francese di Philippe de Chauveron. Si chiedono cosa avrebbero potuto fare di sbagliato per far sì che “Dio li perseguitasse”. Spesso è con questa esclamazione che accogliamo un evento considerato ingiusto. Ma nella religione cattolica, dove sta scritto che Dio punisce gli uomini che hanno sbagliato?

Con il loro peccato, gli uomini si separano da Dio. Il perdono sempre offerto da Dio permette loro di riconquistare la Sua alleanza. Il peccato causa a loro anche del male. Pertanto, alcuni eventi considerati ingiusti sono solo conseguenze delle proprie azioni o scelte. Dio ama infinitamente ogni essere umano, indipendentemente dal suo comportamento. Egli non punisce direttamente le persone, ma piuttosto offre loro l’opportunità di pentirsi e avvicinarsi a Lui. Sta a ciascuno sapere cogliere l’occasione!

Imparare di nuovo a conoscere il vero volto di Dio

La paura di Dio è conseguenza del peccato originale, una rottura tra l’uomo e Dio. Prima di questa rottura, i nostri progenitori avevano un rapporto di fiducia con Dio, ma in seguito provarono paura e si nascosero da Lui. Questo timore di Dio è spontaneo e rimane presente in noi a causa dei postumi del peccato originale.

Eppure questa paura non è legittima. Dio non è un giudice terribile, ma un padre pieno di tenerezza. Dobbiamo reimparare a conoscere il vero volto di Dio, quello che abbiamo perso a causa del peccato. Ciò richiede di frequentarLo leggendo la Sua parola e pregando.

Fare la differenza tra paura servile e paura per amore

Il timore di Dio è presentato come una virtù. Tuttavia, c’è una distinzione tra la buona paura, che è la paura di ferire colui che si ama, e la paura servile, che è la paura della punizione. Coltivare la fiducia in Dio significa frequentarLo per conoscerlo meglio.

Lasciarsi andare, fidarsi

Le prove della vita non sono punizioni divine, ma possono essere modi per crescere e avvicinarsi a Dio. Pertanto, le difficoltà possono essere opportunità di crescita.

Porre correttamente il problema significa mettere Dio al centro della nostra relazione con Lui. Dobbiamo riconoscere che Egli ci ama e che è lì per aiutarci nelle prove. Ciò richiede di lasciarci andare e di confidare in Dio.

C’è un legame tra peccato e sventura?

Per quanto riguarda la connessione tra peccato e sfortuna, la questione è complessa. Mentre Gesù e la Bibbia affermano che non sempre c’è una corrispondenza diretta tra le nostre colpe e le prove che incontriamo, il male presente nel mondo è in parte una conseguenza della rivolta contro Dio e dell’errore umano. Così, alcune sofferenze possono essere attribuite ad azioni umane, come le guerre, mentre altre sono il risultato complessivo della rivolta contro Dio.

Dio ci ama e le prove della vita possono anche essere opportunità per crescere e trovare la vera vita. Tutti sono invitati a coltivare un rapporto personale con Dio, a fidarsi di Lui e a lasciarsi andare nelle difficoltà, ponendo correttamente il problema riconoscendo l’amore di Dio e ponendolo al centro della nostra vita.

Padre Charles Lenoir è sacerdote della diocesi di Séez e cappellano del santuario di Notre-Dame de Montligeon. Risponde alle domande di Guillaume Desanges per il programma “Les sanctuaires normands” di RCF Orne-Calvados-Manche, in onda il martedì alle 19:15. https://rcf.fr/spiritualite/les-sanctuaires-normands

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most read posts

Che cosa è la fraternità di Montligeon ?

La fraternità è il cuore dell’opera di Montligeon. Riunisce tutte le persone raccomandate alla preghiera del Santuario. È anche un’opera di apostolato per tutte le persone impegnate nei gruppi di preghiera. Exxo le spiegazioni di don Martin Viviès al microfono di  Guillaume Desanges in onda […]

Read post

Perché San Giuseppe è il patrono della Buona Morte

Nella basilica di Montligeon, un mosaico rappresenta San Giuseppe in punto di morte, circondato dalla Vergine Maria e da Gesù. Perché San Giuseppe è invocato come patrono della Buona Morte, in particolare a Montligeon ? Tutto, nella vita di San Giuseppe, è fiducia, abbandono e […]

Read post

To see also

Inscription à
la fraternité

>

Continue reading

Trois conseils pour vivre l'Avent

Tre consigli per vivere il tempo dell’Avvento

Proprio all’inizio di un nuovo anno liturgico, don Paul Denizot ci dà tre consigli per vivere il periodo di Avvento

Lire l'article
2021-07-20-HOZANA-09-Soeur-Cécile-ton-temps-sur-cette-terre-est-précieux

Novena Crescere nella Speranza, Giorno 9

Giorno 9 – Martedi 16 Novembre 2021 « Tutto quel che non è donato è perso » (Proverbio indiano)A Montligeon, amiamo dire che : « La vita eterna è già incominciata! » Medito con il Vangelo secondo San Matteo« Quando il Figlio dell’Uomo verrà nella […]

Lire l'article

Dobbiamo ancora vegliare i defunti?

Per un gran numero dei nostri contemporanei, vegliare un morto, e in più vegliare a casa, è una pratica morbosa o appartenente ad un’altra epoca. Perché le veglie funebri sono scomparse? Che significato ha la veglia dei defunti per la Chiesa? Quale è il suo […]

Lire l'article
Subscribe to the newsletter