Dopo la morte, una purificazione necessaria

Il Purgatorio appartiene alla fede cattolica. Tuttavia, alcuni aspetti di essa si possono trovare in altre culture o religioni che affermano che dopo la morte è necessaria la purificazione.

Il Purgatorio appartiene alla fede cattolica. Tuttavia, alcuni aspetti di essa si possono trovare in altre culture o religioni che affermano che dopo la morte è necessaria la purificazione. Spiegazioni di Don Paul Denizot intervistato da Guillaume Desanges per RCF in Chroniques du purgatoire #3.

Il purgatorio vecchio come il mondo

Due aspetti del purgatorio si trovano in un fondo comune dell’umanità. Prima di tutto, la questione della purificazione, che è necessaria per raggiungere un completamento, una realizzazione. Questo è il caso delle successive reincarnazioni dell’Induismo. Sono una forma di purificazione. Questo è anche il caso nei riti di passaggio del defunto in Egitto, o del greco che deve dare una moneta per attraversare lo Stige.

I vivi solidali con i defunti

Poi, la questione della preghiera per il defunto la troviamo in generale in tutta l’umanità, sotto forma di preghiera o riti praticati per aiutare il defunto ad accedere a una vita dopo la morte. Ciò significa che i vivi sono consapevoli di poter aiutare il defunto e che c’è qualcosa dopo la morte.

L’idea di purificazione dopo la morte

Anche le persone senza religione hanno questa idea di purificazione con lo scopo di diventare migliori, buoni o veramente se stessi. Ecco perché i reparti dedicati allo sviluppo personale nelle librerie funzionano così bene. La difficoltà è che non puoi farlo solo con le tue proprie forze. Cercare di farlo da soli è spesso un vicolo cieco.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *