Il purgatorio è una verità di fede?

24 Maggio 2022

...Judicare vivos et mortuos
Share on Facebook Share on Twitter Send by mail Imprimer

Il purgatorio è il grande dimenticato del XXI secolo. Chi parla ancora di purgatorio? Esiste? Dobbiamo crederci? Il purgatorio è una verità di fede? Spiegazioni di don Paul Denizot.

Non è facile parlare di purgatorio al giorno d’oggi. I sacerdoti non ne parlano troppo nella loro predicazione. Accade che teologi o storici moderni rifiutino la sua esistenza e aspettino che sparisca.

Infine, non è raro incontrare persone che si meravigliano del fatto che la Chiesa ne parli ancora nel XXI secolo:« Sitratterebbe di evolvere e di rinunciare a queste credenze d’ltri tempi!»

A dire il vero, questa sfida di fronte al purgatorio riguarda soprttutto i cristiani della Francia metropolitana e di qualche paese della nostra vecchia Europa secolarizzata. Pare che sia ben diversa la situazione relativamente ai nostri fratelli e sorelle dei Dipartimenti d’Oltremare, d’Arica, d’Asia e d’America.

Il purgatorio
esiste?

La disaffezione verso il purgatorio e indubbiamente colpa del giansenismo e dell’abbandono della predicazione sulle fini ultime. Eppure il purgatorio esiste. Certo il dogma del purgatorio è stato proclamato tardivamente, ma i cristiani (e gli Ebrei dell’Antico Testamento prima di loro) hanno sempre creduto alla possibilità d’una purificazione dopo la morte. La loro fede poggia in particolare sulla pratica antica e universale della preghiera per i defunti. Ancora oggi, la Chiesa (Concilio Vaticano II, Catechismo della Chiesa Cattolica, Giovanni Paolo II, Benedetto XVI, Francesco) insegna in tempi diversi l’esistenza del purgatorio.

Il purgatorio,
verità di fede

Il purgatorio è una verità di fede? Senza alcun dubbio, poiché è effetto eminente della misericordia di Dio. Come un medico, il Signore prepara le anime dei defunti a vederlo purificandoli con il suo amore. Non sono dunque né abbandonate da Dio, né dagli angeli, né dai santi del cielo che intercedono per loro.

Il purgatoio è anche una grande ragione di speranza per noi vivi, perché nel mistero dellacomunione dei santi scopriamo che non è mai troppo tardi, né mai inutile, fare pervenire un grazie o il perdono a coloro che abbiamo amato: che non è mai troppo tardi per toccare il loro cuore e accompagnarli in questo « tempo di misericordia ».

Don Paul Denizot, rettore, Chemin d’éternité n°295 – novembre/dicembre 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most read posts

Che cosa è la fraternità di Montligeon ?

La fraternità è il cuore dell’opera di Montligeon. Riunisce tutte le persone raccomandate alla preghiera del Santuario. È anche un’opera di apostolato per tutte le persone impegnate nei gruppi di preghiera. Exxo le spiegazioni di don Martin Viviès al microfono di  Guillaume Desanges in onda […]

Read post

Perché San Giuseppe è il patrono della Buona Morte

Nella basilica di Montligeon, un mosaico rappresenta San Giuseppe in punto di morte, circondato dalla Vergine Maria e da Gesù. Perché San Giuseppe è invocato come patrono della Buona Morte, in particolare a Montligeon ? Tutto, nella vita di San Giuseppe, è fiducia, abbandono e […]

Read post

To see also

Inscription à
la fraternité

>

Continue reading

Don Martin Viviès

Siamo fatti per la felicità?

Noi siamo degli eterni insoddisfatti. Cerchiamo la felicità nel piacere. Ci precipitiamo a credere alle promesse di soddisfazioni proposte dal mondo. Ma infine siamo fatti per la felicità? In che cosa consiste? Risposte di don Martin Viviès al microfono di Guillaume Desanges per RCF. La […]

Lire l'article
Dom Thomas Georgeon, Frère Luc de Tibhirine et la mort

Fratel Luc di Tibhirine e la morte

Fra Luc era uno dei sette monaci cistercensi di Tibhirine uccisi in Algeria nel 1996. Rileggendo le sue lettere, il suo biografo Dom Thomas Georgeon, abate della Trappe de Soligny, ci offre alcune buone notizie sulla morte.

Lire l'article
à quoi sert d'aller au cimetière

A che cosa serve la visita al cimitero?

La Chiesa incoraggia la visita al cimitero il 2 novembre, giorno consacrato alla preghiera per i defunti, e durante tutto il mese di novembre. A che cosa serve la visita al cimitero? Serve a pregare per un defunto ma anche all’elaborazione del lutto. Luogo di […]

Lire l'article
Subscribe to the newsletter