Pregare per i nostri defunti e sperare che siano salvi, è incompatibile?

10 Gennaio 2023

Prière pour les défunts
Share on Facebook Share on Twitter Send by mail Imprimer

Noi ameremmo sapere se i nostri cari defunti sono in Cielo. Pregare per i nostri defunti e sperare che siano salvi, è incompatibile? Se da un lato è impossibile saperlo, dobbiamo sperare che siano in Cielo e pregare per loro senza stancarci.

Possiamo sapere se i nostri defunti sono salvi?

Sulla base della Parola di Dio, dell’Antico e del Nuovo Testamento, la Chiesa ci invita a pregare generosamente per i defunti. Per quale motivo? Perché Dio ha voluto che contribuissimo, con i santi, ad accompagnare queste anime nella purificazione.

I santi canonizzati che preghiamo durante tutto l’anno sono in Cielo, non c’è dubbio! Santa Teresa d’Avila, San Massimiliano Kolble, San Padre Pio e tanti altri, vedono il Signore faccia a faccia. Non prego San Giovanni Paolo II affinché egli possa andare in cielo: lo prego di ottenere dal Signore, per sua intercessione, le grazie di cui ho bisogno. Lo stesso vale per i martiri: la Chiesa ci assicura che una persona che ha dato la vita in modo sanguinoso come testimone della sua fede è in Cielo.

Tuttavia, per altri defunti che la Chiesa non ha riconosciuto come santi, non posso essere certo che siano in Cielo. A meno che non ci sia il permesso divino, che è del tutto eccezionale nel modo di agire di Dio.

Dobbiamo pregare per i nostri defunti e sperare che siano in Cielo

Ecco perché continuo a pregare a lungo termine per un certo defunto. Ma lo faccio con la speranza che egli acceda al più presto alla visione beatifica, cioè all’incontro definitivo con il Signore.

Ma questo non è un motivo per non affidarlo più alla misericordia di Dio. Se questo defunto è in Cielo – cosa che non so, ma che spero con fiducia – tutte queste preghiere non sono inutili. Attraverso il mistero della comunione dei santi, esse vanno a beneficio di altre anime che stanno attraversando questa fase di purificazione.

Don Alban Dyèvre, csm.
Articolo pubblicato sulla Rivista Chemin d’éternité n°266, marzo/aprile 2018.

«La preghiera per i defunti, elevata nella fiducia che vivono presso Dio, riversa le sue grazie anche su di noi. Ci educa ad una vera visione della vita, ci apre alla vera libertà disponendoci alla costante ricerca dei beni eterni. »

Papa Francesco
nov. 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most read posts

Che cosa è la fraternità di Montligeon ?

La fraternità è il cuore dell’opera di Montligeon. Riunisce tutte le persone raccomandate alla preghiera del Santuario. È anche un’opera di apostolato per tutte le persone impegnate nei gruppi di preghiera. Exxo le spiegazioni di don Martin Viviès al microfono di  Guillaume Desanges in onda […]

Read post

Perché San Giuseppe è il patrono della Buona Morte

Nella basilica di Montligeon, un mosaico rappresenta San Giuseppe in punto di morte, circondato dalla Vergine Maria e da Gesù. Perché San Giuseppe è invocato come patrono della Buona Morte, in particolare a Montligeon ? Tutto, nella vita di San Giuseppe, è fiducia, abbandono e […]

Read post

To see also

Inscription à
la fraternité

>

Continue reading

Définition de l'enfer

Che cos’è l’inferno?

L’inferno esiste, dice la Chiesa cattolica, perché è il libero rifiuto dell’amore di Dio. È uno stato di solitudine assoluta in cui i dannati subiscono due tipi di punizione: il dolore del dannato e il dolore del senso. Per don Paul Denizot, l’esistenza dell’inferno è […]

Lire l'article
Les bienfaits du jeûne du carême

I benefici del digiuno quaresimale

Et si le carême était l’occasion de redécouvrir les bienfaits du jeûne ? Pour faire de la place et stimuler l’amour, explique le père Charles Lenoir, chapelain à Montligeon.

Lire l'article
Du mercredi 
14 février 2024 (mercredi des Cendres) au dimanche 31 mars 2024 (dimanche de Pâques), recevez chaque matin par mail une courte méditation de la Parole de Dieu et une résolution à vivre au cours de la journée.

Percorso di Quaresima 2024, una meditazione al giorno

Comment se préparer pendant quarante jours à Pâques sans se décourager ? Les chapelains de Montligeon et les soeurs de la Nouvelle Alliance ont préparé pour vous un parcours de carême 2024. Une méditation par jour à lire et à écouter. Pour s’inscrire et recevoir le mail quotidien, c’est ici !

Lire l'article
Subscribe to the newsletter