Resurrezione e reincarnazione, quali differenze?

10 Settembre 2021

Share on Facebook Share on Twitter Send by mail Imprimer

La reincarnazione o metempsicosi sono molto di moda nelle nostre società occidentali. Queste credenze impregnate di buddismo e d’induismo confessano una vita dopo la morte e una giustizia che retribuisce i nostri atti al termine della nostra vita terrestre. Questa affermazione è condivisa dalla fede cristiana nella resurrezione. Tuttavia, reincarnazione e resurrezione sono la stessa cosa? Quali sono le differenze tra resurrezione e reincarnazione? Risposta di don Paul Denizot al microfono di Guillaume Desanges per RCF.

Reincarnazione e resurrezione suppongono una vita dopo la morte

Reincarnazione e resurrezione suppongono l’esistenza d’una vita dopo la morte. I cristiani la chiamano vita eterna. Per gli indù ed i buddisti, la reincarnazione conduce al nirvana. Si tratta di uno stato di estinzione del desiderio umano che implica la fine del ciclo delle reincarnazioni attraverso la dissoluzione nel Grande Tutto e una sparizione dell’io. Al contrario, nella resurrezione, sarò pienamente me stesso.

E’ interessante constatare che la reincarnazione all’occidentale è molto romantica. Quelli che vi credono, si felicitano ad esempio di essere stati nella vita precedente un generale dell’esercito di Alessandro o una cortigiana persiana! Dimenticano che per le credenze orientali, la reincarnazione costituisce una maledizione e essa prosegue fino a che non si raggiunge l’estinzione completa dei desideri.

Un altro punto di convergenza tra reincarnazione e fede nella resurrezione è l’affermazione di un tempo di urificazione necessario. Nel primo caso, si tratta di un ciclo di purificazione attraveerso vite successive. La fede cristiana da parte sua confessa l’esistenza del purgatorio, un tempo (che non è il nostro tempo cosmologico) n cui l’anima si prepara alla piena comunione con il Signore. Ma in purgatorio la persona resta totalmente se stessa, anzi diviene progressivamente ciò che è chiamata ad essere pienamente nel piano d’amore di Dio.

La reincarnazione e la resurrezione affermano l’esistenza di una giustizia che retribuisce i nostri atti

Ciò che facciamo quaggiù ha un peso per l’al di là. Le saggezze orientali e il cristianesimo lo credono. Affermano ugualmente l’esistenza d’una giustizia, che però non è la stessa.

Prendiamo l’esempio di un bambino con un handicap dalla nascita. La credenza fatalista nella reincarnazione spiegherà che questa malattia è la conseguenza di un errore commesso in una vita anteriore. Di quale errore si tratta? Non ne sappiamo nulla.

Gesù ci libera dal fatalismo e da questa tentazione che talora attraversa l’Antico Testamento : « Che cosa ho fatto al buon Dio? »

Egli ci rivela che il cieco nato che egli guarisce, è cieco non per propria colpa né per colpa dei suoi genitori. Che il suo handicap non è la conseguenza di una sanzione divina. Ancora, la rivelazione ci mostra che la giustizia divina ci insegna sempre qualcosa, per far crescere misteriosamente coloro che Dio ama.

Per il cristianesimo, una vita fallita è una vita che rifiuta Dio fino alla fine. Ma il Vangelo ci insegna che fino al momento della morte possiamo accogliere la grazia e convertirci. Così il grido del Buon Ladrone crocifisso con Gesù o : « Gesù, ricordati di me quando sarai nel tuo Regno » e la risposta inaudita del Cristo : « Oggi sarai con me nel paradiso », ci mostrano che possiamo riuscire nella nostra vita avendo successo nella morte.

La resurrezione non cancella tutta la nostra vita

La reincarnazione è dura. Essa afferma che una volta che la vita è terminata, tutto si cancella e si passa ad altro (un’altra vita in un nuovo corpo). Ma che cosa succede dei rapporti, del mio amore per mia madre, per i miei figli, i miei amici?

Per la fede cristiana la vita eterna non implica una spersonalizzazione o una sparizione dei legami d’amore e delle relazioni. Io resto me stesso e resto un essere di relazione. Tutte le relazioni che costruisco quaggiù hanno un peso di eternità. I rapporti costruiti nell’amore sono chiamati a durare… per sempre. Questo è olto riconfortante e consolante.

Intervista realizzata in partenariato con RCF per la trasmissione
“Les sanctuaires Normands” in nda tutti i martedì alle h 19.15
https://rcf.fr/spiritualite/les-sanctuaires-normands

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most read posts

Che cosa è la fraternità di Montligeon ?

La fraternità è il cuore dell’opera di Montligeon. Riunisce tutte le persone raccomandate alla preghiera del Santuario. È anche un’opera di apostolato per tutte le persone impegnate nei gruppi di preghiera. Exxo le spiegazioni di don Martin Viviès al microfono di  Guillaume Desanges in onda […]

Read post

Perché San Giuseppe è il patrono della Buona Morte

Nella basilica di Montligeon, un mosaico rappresenta San Giuseppe in punto di morte, circondato dalla Vergine Maria e da Gesù. Perché San Giuseppe è invocato come patrono della Buona Morte, in particolare a Montligeon ? Tutto, nella vita di San Giuseppe, è fiducia, abbandono e […]

Read post

To see also

Inscription à
la fraternité

>

Continue reading

Notre-Dame Libératrice_ Basilique Notre Dame de Montligeon

Mese di Maggio, mese di Maria

Le mois de mai est traditionnellement consacré à Marie. Marie est la mère par excellence, celle dont l’amour maternel ne déçoit jamais. Profitons du mois de Marie pour nous tourner vers elle avec confiance.

Lire l'article
Marc d'Anselme, que devient l'amour après la mort

L’amore si trasforma dopo la morte ?

L’amore si trasforma dopo la morte? Il processo del lutto come modifica il legame? Marc d’Anselme è psicologo cinico. Nel suo studio riceve soprattutto famiglie e coppie. Inoltre anima le sessioni per coppie a Montligeon. Ci dona alcuni elementi di risposta in collaborazione con la […]

Lire l'article
Dom Thomas Georgeon, Frère Luc de Tibhirine et la mort

Fratel Luc di Tibhirine e la morte

Fra Luc era uno dei sette monaci cistercensi di Tibhirine uccisi in Algeria nel 1996. Rileggendo le sue lettere, il suo biografo Dom Thomas Georgeon, abate della Trappe de Soligny, ci offre alcune buone notizie sulla morte.

Lire l'article
Subscribe to the newsletter