La speranza, virtù del cuore trafitto

15 Ottobre 2022

Cardinal Philippe Barbarin
Share on Facebook Share on Twitter Send by mail Imprimer

La nostra speranza cristiana ci rende dolci sognatori in fuga dalla realtà del mondo? No, certo, il cardinale Barbarin risponde sulla rivista del santuario Chemin d’éternité. Per lui, la speranza è la virtù del cuore trafitto.

Il cardinale Philippe Barbarin per la rivista Chemin d’éternité n°313.

La speranza è una delle tre virtù teologali menzionate da San Paolo nella prima epistola ai Tessalonicesi. Per ciascuno, egli aggiunge ciò che esige da parte nostra: la fede richiede un costante lavoro di intelligenza per comprendere questa Parola che ci supera, la carità ci spinge a donarci fino in fondo per gli altri per amore.

Infine, la caratteristica della speranza è la tenacia che richiede. Nonostante le circostanze che possono essere dolorose, non lascio andare la speranza perché sono sicuro che Dio continuerà a vegliare su di me, che sono nelle sue mani.

Quando sono andato in Iraq, ho incontrato a Baghdad famiglie che erano state brutalmente espulse da Mosul (ex Ninive) dall’ISIS. Mentre tutti piangevano, il patriarca Sako, che piangeva anche con loro, improvvisamente si alzò per dissuaderli “dal commettere un peccato di disperazione”.

“La speranza”, disse loro, “non è credere che domani andrà meglio, ma che Dio non vi deluderà mai. La sera del Giovedì Santo, nessuno poteva dire a Gesù che sarebbe stato meglio l’indomani…, ma lui stesso sapeva che suo Padre non lo avrebbe mai abbandonato. Del resto, è uno dei suoi ultimi atti sulla croce, quello di rimettere il suo spirito in Lui.

“La speranza non è credere che domani andrà meglio, ma che Dio non vi deluderà mai. “

Mons Louis Sako, patriarca della Chiesa Cattolica Caldea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most read posts

Che cosa è la fraternità di Montligeon ?

La fraternità è il cuore dell’opera di Montligeon. Riunisce tutte le persone raccomandate alla preghiera del Santuario. È anche un’opera di apostolato per tutte le persone impegnate nei gruppi di preghiera. Exxo le spiegazioni di don Martin Viviès al microfono di  Guillaume Desanges in onda […]

Read post

Perché San Giuseppe è il patrono della Buona Morte

Nella basilica di Montligeon, un mosaico rappresenta San Giuseppe in punto di morte, circondato dalla Vergine Maria e da Gesù. Perché San Giuseppe è invocato come patrono della Buona Morte, in particolare a Montligeon ? Tutto, nella vita di San Giuseppe, è fiducia, abbandono e […]

Read post

To see also

Inscription à
la fraternité

>

Continue reading

Marc d'Anselme, que devient l'amour après la mort

L’amore si trasforma dopo la morte ?

L’amore si trasforma dopo la morte? Il processo del lutto come modifica il legame? Marc d’Anselme è psicologo cinico. Nel suo studio riceve soprattutto famiglie e coppie. Inoltre anima le sessioni per coppie a Montligeon. Ci dona alcuni elementi di risposta in collaborazione con la […]

Lire l'article
La fin de vie en question

La fine vita in questione

Erwan Le Morhedec est avocat et blogueur sous le pseudonyme Koztoujours. Il est l’auteur d’un plaidoyer documenté contre la légalisation de l’euthanasie : Fin de vie en République – avant d’éteindre la lumière (Cerf).

Lire l'article

Si deve andare in purgatorio prima di entrare in Cielo?

Si deve andare in purgatorio prima di entrare in Cielo? Questa prospettiva ci spaventa perché immaginiamo il purgatorio come un luogo di terribili sofferenze. E invece si tratta di una sorta di “recupero” oltre la morte. Di che cosa si tratta? Dietro questa domanda spesso […]

Lire l'article
Subscribe to the newsletter